Dreamers Day

Stiamo entrando nel nuovo paradigma?

Francesca Del Nero

Dreamers Day

“La religione del futuro, sarà una religione cosmica. Trascenderà il Dio personale e lascerà da parte dogmi e teologia. Abbracciando insieme il naturale e lo spirituale, dovrà essere fondata su un sensoreligioso che nasce dall’esperienza di tutte le cose, naturali e spirituali come facenti parte di un’unità intelligente.”

Albert Einstein

 

“Una società che non è fondata su leggi spirituali è come una palude e una palude non può che generare zanzare”

Omraam Mikhael Aivanhov

 

Hanno detto niente questi egregi signori!

 

Pensiamoci! Che sia per questa assenza di spiritualità che l’umanità abbia ancora a che fare con guerre, violenze, soprusi, abusi, fame, povertà, sfruttamento, lavoro per sopravvivenza, degrado culturale e sociale…?

 

Come sappiamo la religione è cosa diversa dalla spiritualità.

La prima tende a dividere, la seconda unisce tutto il genere umano.

 

Il significato di religione: dal latino religio …«legare» con riferimento al valore vincolante degli obblighi e dei divieti sacrali. Comunque ci si riferisce al legame tra l’uomo e la divinità.

 

Ma quale divinità? Quella del Cristiano? quella del musulmano? Quella dell’ebreo?…

Il mio Dio è meglio del tuo.. il tuo è più importante del mio…

 

Senza volersi minimamente addentrare nelle questioni religiose ciò che invece dovremmo osservare è che l’uomo si è perso. Si è perso nell’ombra, nell’assenza di sé e quasi non cerca più la Luce che peraltro è sempre presente e per chi la cerca c’è solo una certezza: la trova!

 

L’incipit di Einstein e queste poche righe di Aivanhov ci mettono davanti ad un monito!

Attenzione, se non ricominciamo da lì sappiamo già che ci ritroveremo in una melma sempre più viscida che potrebbe facilmente trasformarsi in sabbie mobili dentro le quali essere risucchiati.

 

Concretamente come si fa per rigenerare la radice spirituale del nostro agire?

 

1) Ricordiamoci che siamo uno spirito incarnato in un corpo e non un corpo in assenza di spirito come per lo più sembra essere per la maggior parte dell’umanità.

2) Riprendiamo consapevolezza che un sistema di valori è l’unico modo per elevare il nostro livello di coscienza che porterà inevitabilmente ad un agire più armonico con risultati evidenti per noi stessi e per gli altri.

3) Scegliamo di ricominciare da noi stessi, da ciascuno di noi, senza aspettare sempre che sia l’altro a fare il primo passo ma compiendolo noi per primi.

4) La società è fatta di individui quindi ognuno di noi ne fa parte. Non c’è nessuno da aspettare né nessuno (in terra) ci verrà a salvare, c’è invece da agire localmente, comune per comune, riprendendo responsabilità a livello individuale e collettivo, nel pubblico come nel privato.

 

Ce la faremo a passare da un modello di società capitalista quindi basata sul capitale (denaro) ad un modello di società spirituale basata sulla connessione con lo spirito?

 

La prima abbiamo visto cosa ha prodotto. Un disastro su tutta la linea visto che i problemi millenari sono ancora irrisolti.

Che sia tempo di guardare alla seconda?

 

L’importante è che non pensiamo nemmeno per un attimo che una società basata sulle leggi spirituali sia una società povera, al contrario la sua ricchezza sarà straordinaria, l’armonia regnerà,  l’amore sarà fonte di salute, abbondanza e prosperità per tutti.

 

Che a nessuno venga di dire che è impossibile perché solo senza volontà le cose sono impossibili.

Guidati dalla Luce dentro di noi possiamo immaginare e quindi fare qualsiasi cosa.

Diamoci da fare… adesso!

 

Se puoi sognarlo puoi farlo.

Walt Disney

International speaker, coach, trainer e autrice, Francesca ha lavorato per molti anni come manager di banche d’affari e conosce a fondo le dinamiche e le sfide del mondo aziendale. Ha lasciato GE Capital nel 2010 per fondare una scuola internazionale di trasformazione dell’Essere, School For Dreamers, con lo scopo di…