Dreamers Day

La domanda è: va tutto bene?

Siamo Sinceri – Francesca Del Nero

Dreamers Day

Va tutto bene? È abbastanza certo che ciascuno risponderà con un no! Non va tutto bene nonostante aiuti dire che sta andando tutto bene. Ma da quand’è che va male? Da prima del lockdown, mentre eravamo in lockdown o da dopo la fine del lockdown?

 

La mia risposta è che non va bene da prima, meglio, da sempre!

 

Se l’umanità non ha mai risolto i grandi problemi che ancora l’assillano:

le guerre, la fame, lo sfruttamento di risorse e persone, la violenza, gli abusi di ogni sorta, la povertà endemica, la fatica di guadagnare per mangiare, gli ultimi, i penultimi e, con quello che sta accadendo ora aggiungiamo anche i nuovi terzi e quarti ultimi di ogni nazione … pensate anche voi che qualcosa non stesse già, da lunghissimo tempo, andando per il verso giusto? Vogliamo rispondere che mancano le risorse economiche per risolvere tutti questi problemi? Mioddio no per favore! No! Sapendo che solo lo Stato Italiano spende circa 3 mld al mese per il Ministero della Difesa (avendo ripudiato la guerra nella sua Costituzione) immaginiamo quanti aiuti potrebbe dare solo facendo un cambio di una piccola parte a favore non solo di chi ne ha bisogno ma per il Bene dell’intera collettività. Ovviamente questo è solo uno dei numerosi possibili esempi che si possono fare e certamente lontano dall’essere un fenomeno solo italiano … ma ci serve PER METTERE INSIEME QUALCHE PUNTINO E FARE DUE RIFLESSIONI IN PIÙ.

 

DUNQUE DICEVO, SE NON È LA MANCANZA DI DENARO IL MOTIVO PER IL QUALE I PROBLEMI NON SI RISOLVONO ALLORA QUAL È?

Proviamo con quest’altra risposta: forse manca la vera volontà dei politici di tutto il pianeta di risolvere? Fino a non molto tempo fa pensavo che dipendesse da un livello di coscienza collettivo ancora troppo basso corrispondente quindi a un livello con la stessa frequenza dei politici e quindi pensavo che la volontà sarebbe scattata, con tutte le sue soluzioni al seguito, nel solo momento in cui il livello di coscienza della cosiddetta massa critica si fosse elevato. Poi però, con il tempo, ho capito che questo è uno solo degli elementi.

 

E QUALI SAREBBERO ALLORA GLI ALTRI ELEMENTI?

Durante questo lockdown ho provato a mettere insieme i puntini di tante questioni che non mi erano chiare che, solo ponendole in sequenza e connettendole le une alle altre, ho cominciato a vedere il disegno dai contorni più chiari.

 

QUINDI COME STAREBBERO LE COSE?

E se fosse che questo deep state esistesse davvero? E se fosse che la deep church esistesse davvero? Allora potrebbe risiedere lì il motivo per il quale non solo i problemi non si risolvono ma addirittura, con tutta la modernità di cui disponiamo, sono persino peggiorati perché non c’è una vera volontà di risolverli? Mah! ognuno indaghi per suo conto ma certo è che è sicuro che tutti i popoli del mondo vorrebbero le stesse cose: libertà, salute, prosperità e felicità.

 

QUINDI FACCIAMOCELA LA DOMANDA: SE I POPOLI VOGLIONO QUESTO ALLORA CHI È CHE NON VUOLE QUESTO PER I POPOLI?

Io penso che sia veramente tempo di spalancare gli occhi e di innalzare il nostro livello di consapevolezza perché solo così, se mai ci fossero davvero tutte quelle forze oscure, non potrebbero più sopravvivere di fronte all’avvento di tanta Luce. La nostra, quella di tutti noi uniti, insieme.

 

INSOMMA SIAMO DUNQUE DI FRONTE A UN REDDE RATIONEM TRA LUCE E OSCURITÀ CHE RIGUARDA IL NOSTRO DESTINO COME RAZZA UMANA?

Il transumanesimo non è poi così distante se non stiamo attenti! Ci sono verità che vanno svelate? Ci sono disegni oscuri e manipolatori che vanno rivelati, ci sono individui legati gli uni agli altri che prendono ordini senza soluzione di continuità da burattinai che servono disegni oscuri? O sono tutte fantasie? E se fossero fantasie come mai siamo allora testimoni di questo scempio mediatico dove l’informazione sembra voler indirizzare il pensiero solo da una parte e tutto quello che è fuori dal coro globale viene censurato, viene oscurato?

 

E’ DIFFICILE VERO PENSARE CHE CI SIANO LUPI TRAVESTITI DA AGNELLI E CI SIANO AGNELLI TRAVESTITI DA LUPI?

Sì, può essere molto difficile, addirittura in alcuni casi scioccante ma è tempo di prepararsi perché proprio sotto i nostri occhi tutto sta accelerando. Con l’accelerazione anche le verità emergeranno chiare agli occhi di tutti? Se e quando accadrà, allora, sì, si attiverà il grande risveglio e l’umanità uscirà dal pantano ignobile in cui è finita forse a causa di pochi ma sicuramente a causa di se stessa, di tutti noi che presi da noi stessi, dal nostro ego, dalla nostra fretta, dai desideri e dalle ambizioni personali … abbiamo dimenticato che la dimensione dell’Essere va assolutamente coltivata se vogliamo cocreare un mondo migliore.

 

INTANTO COSA POSSIAMO FARE?

Possiamo scegliere di stare svegli. E cosa significa

 

Significa cominciare perlomeno con il porsi domande; significa non accettare tutto ciò che ci viene raccontato senza metterlo in discussione,

 

Significa che se nuove regole sono già sottilmente entrate nella nostra vita, accettate chissà per servire quale paura, senza che la nostra coscienza ne sia pienamente informata rischiamo di aprire la porta a ben altro accettandolo come normale;

 

Significa che dovremmo fare uno sforzo per uscire dall’idea che quello che pensiamo sia l’unica realtà possibile perché abbiamo paura di pensarne un’altra che ci farebbe uscire troppo dalla nostra comfort zone,

 

Significa infine attivare quella sana ribellione ormai perduta rispetto all’accettazione dello status quo tel quel quando ormai tutti sappiamo che lo status quo che ci viene raccontato dal mainstream oltre ad essere parziale, in quanto ci mostra solo ciò che vuole, non è affatto sempre corrispondente al vero.

 

Guardare dentro di sé e coltivare se stessi è il must per ognuno di noi affinché la consapevolezza si espanda e con essa la Luce di cui il pianeta ha bisogno. Così facendo aiuteremo il processo di risveglio anche di altri affinché ognuno di noi irradi quella pace che, unita a quella degli altri, eleverà la frequenza collettiva al livello necessario per manifestare il sogno di un’esistenza giusta e felice per tutti.

International speaker, coach, trainer e autrice, Francesca ha lavorato per molti anni come manager di banche d’affari e conosce a fondo le dinamiche e le sfide del mondo aziendale. Ha lasciato GE Capital nel 2010 per fondare una scuola internazionale di trasformazione dell’Essere, School For Dreamers, con lo scopo di…