Dreamers Day

AL DI LÀ DEL VELO

Lettera a mia figlia Virginia

Dreamers Day

Oggi avresti compiuto 25 anni come la tua tanto amata gemellina.

 

Cosa voglio dirti amore mio?

Sono passati tre anni e mezzo da quando te ne sei andata, proprio il giorno di Natale saranno esattamente tre anni e mezzo. Un istante prima c’eri con la tua dolcissima e inimitabile voce, un istante prima c’eri con il tuo “ti amo tanto Mini“, un istante prima c’eri con la tua gioia di vivere, un istante prima c’eri con la tua capacità di portare armonia in ogni dove e un istante dopo a soli 21 anni non c’eri più!

 

Mi manchi? Sì, mi manchi e mancherai immensamente amore mio stupendo, mi mancherai così come manchi e mancherai alle tue amate sorelle Costanza e Giulia, come ai tuoi amici più cari, come a tutta la nostra famiglia.

 

Sai qual è la cosa più difficile da spiegare alle persone qui in terra? È difficile far comprendere che sì manchi, manchi terribilmente, ma nel contempo è come se tu ci fossi ben più di prima.

 

La nostra mente vuole sempre avere il sopravvento e appare così difficile concepire una connessione con l’invisibile eppure è il principio della creazione stessa: VISIBILIA EX INVISIBILIBUS.

 

Se almeno ci concedessimo la consapevolezza di riconoscere che tutto accade nel nostro mondo interiore invisibile, fatto di idee, sentimenti, emozioni dal quale scaturisce ogni evento e circostanza della nostra vita allora potremmo anche concepire una connessione piena con chi non c’è apparentemente più!

 

Non c’è più, ok ma dov’è?

A volte è struggente cercare questo dove, questo luogo invisibile ai miei occhi, a volte mi pare che non ci sia e soffro tanto a non sapere dove sei ma poi ricordo che sì, è vero, questo luogo non c’è nella mia mente, ma nel mio cuore è ben visibile, è persino tangibile!

 

Sento con profonda certezza il flusso d’amore che ogni singolo giorno si muove da me a te e da te a me come se fossimo noi stesse a generare una dolcissima onda di luce che arriva a te e ti avvolge e arriva a me e mi avvolge… quindi questo c’è.

 

C’è perché io lo sento e se lo sento c’è, punto.

Vero, amore mio?

Dreamers Day

In effetti, cosa ne sappiamo veramente?

Qualunque sia in effetti la versione molto personale di ognuno, nessuno può dire che le cose stiano effettivamente in un modo piuttosto che in un altro ma ognuno può dire, come faccio io adesso, ciò in cui crede, ciò che sente prossimo alla sua realtà senza dimenticare mai che siamo noi i creatori della nostra realtà per cui qualcosa è in quanto io ci credo con tutto il mio essere.

 

Per cui sai che ti dico, amore mio? “Al diavolo” anche la scienza che non include la spiritualità, al diavolo” il pragmatismo che non include l’amore e “al diavolo” qualunque cosa mi voglia imbrigliare nelle maglie della sola mente perché io sono ben oltre la mia mente, io sono luce ed è per questo che avendone piena coscienza riesco a connettermi a te amore mio.

 

Al diavolo tutta questa separazione che poi è il vero significato di diavolo: tutto ciò che ha come effetto la separazione.

 

Ecco il vero veleno:

La separazione, la divisione, il sentirsi separati e divisi gli uni dagli altri, gli uni dagli altri regni: animale, vegetale e minerale e qui aggiungo anche dai regni in qualche modo “sopra di noi” che non vediamo con i nostri occhi ma che attivando la vista interiore sentiamo benissimo.

 

E allora la domanda è: perché non dovremmo collaborare?

Virgy, amore mio, diciamolo insieme, te ne prego, che possiamo unire le forze anche tra anime che non sono più su questo piano dell’esistenza.

 

Voglio gridarlo forte che senza la mia intesa con te nulla sarebbe ciò che oggi è. Se non avessi avuto te come alleata e tutto lo straordinario mondo intorno a te di Maestri invisibili, una fratellanza straordinaria con la quale hai voluto mettermi in contatto attraverso uno speciale ambasciatore, nulla di ciò che è, sarebbe. Sono certa che se non mi fossi concessa il lusso di essere ancora una cosa sola con te, in terra come in cielo, nulla di ciò che è sarebbe ciò che è.

Attraverso il libro Io Sono Viva scritto a quattro mani con te mi hai portato nuovi figli, fratelli e sorelle d’anima che sono parte della mia famiglia, mi hai portato nuovi progetti, nuove opportunità e so che se la morte in me avesse invece preso il sopravvento tutto questo non sarebbe accaduto e non continuerebbe ad accadere generando tanto bene intorno a me.

Dreamers Day

A cosa serve tutto questo ben di Dio?

Dio o comunque uno voglia chiamarlo, visto che certamente qui non stiamo parlando di religione ma solo di spiritualità.

 

Immaginiamo per un attimo di camminare lungo un sentiero sul quale abbia appena nevicato, è intonso, il cielo è terso e la nostra presenza è la prima per quella neve luccicante, ci accoglie nel silenzio e lì in quell’istante accade la magia della connessione con altre dimensioni che sono sempre presenti ma che nel rumore della vita quotidiana non riusciamo a sentire.

 

Se può accadere anche una sola volta nella nostra vita, significa che è, non c’è più da dubitare nemmeno dopo che il marasma quotidiano ci avrà nuovamente risucchiato.

 

E se questa connessione c’è come c’è, allora tu ed io Virgy possiamo dirci e condividere che tutto è perfetto così com’è.

 

Sappiamo entrambe che il mondo ritiene che la perfezione corrisponda anche all’aggettivo “giusto” in contrapposizione all’aggettivo “sbagliato” ma noi due, amore mio piccolo, sappiamo che l’amore non è giusto o sbagliato, l’amore è e vive in una dimensione senza tempo perché è esso stesso assenza di morte.

 

Quindi sì, dopo esserti a lungo preparata per il tuo nuovo e infinito viaggio, ti sei trovata lì al momento giusto, al tuo appuntamento con ciò che la parte più profonda e intima di te aveva scelto tanto tempo prima, in un tempo senza tempo te ne sei andata nel tempo giusto.

 

Unite possiamo fare un appello:

Cari esseri umani tutti, visto che nel profondo delle nostre anime vogliamo tutti la stessa cosa: essere in salute, vivere felici facendo ciò che amiamo, vivere nella prosperità, in pace, gioia e allegria per generare piccole e grandi cose al servizio nostro e del bene comune.

Visto che vogliamo tutti la stessa cosa, allora, oltre che unire le forze tra noi e smetterla di crederci separati, ricordiamoci di connetterci anche al mondo invisibile che non può aiutarci, eppure ci aiuta, se non siamo noi stessi a richiedere aiuto, che non può interferire, eppure interferisce, se non siamo noi stessi a chiedere supporto e uniamo le forze anche con la dimensione sopra di noi … allora sì tutti insieme che già siamo uno, vinceremo!

 

Cosa vinceremo? Vinceremo la sfida di vivere nell’amore, nell’amore incondizionato per tutti e tutto. Così, solo così i problemi dell’umanità intera in un soffio saranno risolti. Evviva, questo comunque sia è il nostro destino: il trionfo dell’Amore e della Luce su questo meraviglioso pianeta! Ce la faremo, non sappiamo quando ma sappiamo che ce la faremo!

 

Amore mio, grazie di tutto, grazie di esserci, grazie per la tua straordinaria presenza assente. Stiamo unite, sempre e per sempre, che insieme siamo una forza, una forza di luce da condividere e da espandere per generare un impatto sempre maggiore.

Dreamers Day

SEMPRE SU VIRGINIA

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

FRANCESCA DEL NERO

Dreamers Day

Francesca Del Nero è Presidente di School For Dreamers.

International speaker, coach, trainer e autrice, Francesca ha lavorato per molti anni come manager di banche d’affari e conosce a fondo le dinamiche e le sfide del mondo aziendale.

 

Il suo scopo nella vita è chiaro: ispirare una nuova realtà economica e sociale in cui l’Integrità dell’Essere è l’unica soluzione per poter seriamente affrontare e risolvere i problemi dell’umanità.

 

Per rimanere in contatto con Francesca, collegati a lei tramite Linkedin.

International speaker, coach, trainer e autrice, Francesca ha lavorato per molti anni come manager di banche d’affari e conosce a fondo le dinamiche e le sfide del mondo aziendale. Ha lasciato GE Capital nel 2010 per fondare una scuola internazionale di trasformazione dell’Essere, School For Dreamers, con lo scopo di…