Simone Al Ani

Incredulità, stupore ed infine gioia. È quanto  trasmette il poetico spettacolo di Simone Al Ani. Calma e sospensione ci guidano nel suo affascinante universo parallelo, che sfida la gravità e le sue leggi. È questo senza dubbio il suo pregio più evidente : la naturalezza che deriva dal tradurre per noi, la sua anima, in movimento. Giocare  con sfere e cerchi è per questo artista, quanto di più naturale si possa vedere. La scelta di questi oggetti, non è casuale. Il cerchio simboleggia la perfezione. Nel cerchio non c’è né principio né fine. Simone riesce ad invitare l’energia distribuita sulla circonferenza al suo centro. Un languido gioco, in cui non vi è supremazia tra l’artista e il flusso. Una danza ove gli oggetti acquistano sempre di più vita propria .Con il candore di un bambino, Simone ci trasporta in una zona di confine, un viaggio dove , solo un filo sottilissimo separa il sogno dalla realtà.