Dreamers Day

Art. 13 della Costituzione Italiana

Francesca Del Nero

Dreamers Day

UNISCITI AL CANALE DI TELEGRAM CLICCANDO SU QUESTO LINK

Ogni giorno viene pubblicato un contenuto!

👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇

https://t.me/SchoolForDreamers

 

Cosa dice l’articolo 13 della Costituzione? La libertà personale è inviolabile. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell’autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge.

 

Intendo fare l’analisi (sempre amichevole) di questo articolo parlando di più all’anima di chi leggerà. Sì perché, signori miei, la libertà è UNO STATO DI COSCIENZA!

Se c’è c’è e se non la trovate nemmeno nelle profondità del vostro essere, andare a recuperarla è … “tanta roba”, giusto per essere spicci!

 

Come vi sentite leggendo questo articolo 13?

Se avete sentito qualche corda vibrare dentro di voi, se avete percepito anche solo un lieve sussulto di dignità e orgoglio allora potete continuare a leggere, altrimenti il lavoro da fare su di sé è così lungo che qualsiasi cosa io possa scrivere non sarebbe riconosciuta.

Quindi, qualora fosse, esprimo un gentile invito a interrompere la lettura per non perdere tempo.

 

Bene, per chi è rimasto, continuiamo.

 

Se un anno fa (ormai dobbiamo già dire 13/14 mesi fa) ti avessero fatto questa domanda: per te la libertà è un valore fondamentale? cos’avresti risposto?

 

E’ importante cercare di rispondere sinceramente perché se lo era, allora la domanda è:

Che cosa ti ha costretto a rinunciare a questo valore preceduto solo, qualora dovessimo mai fare una classifica, da quello dell’amore?

 

Passato il primo periodo, un anno fa, che doveva servire per capire come arginare, come intervenire, programmare etc le restrizioni ricominciano, come ti fa sentire questa nuova stretta, a distanza di un anno?

 

Quali sono le tue emozioni? Lo ritieni giusto? Ti senti di aderire in coscienza o qualcosa (la tua coscienza) ti suggerisce che c’è qualcosa che non va, qualcosa non ti torna, anche se non sai di preciso cosa? Oppure, provi un senso di giustizia rispetto alle restrizioni? perché se questo è quello che provi, va benissimo,  hai una seconda occasione per smettere di leggere.

 

Ma lo avete letto bene quest’articolo? NULLA PUÒ LIMITARCI NELLA NOSTRA LIBERTÀ (invito a rileggere pure l’art.2)  se non un atto dell’autorità giudiziaria, quindi non un DPCM e nemmeno un decreto legge(come in quest’ultimo caso) che approfitto per ricordare che deve essere convertito in legge dal Parlamento entro 60 giorni altrimenti perde efficacia fin dall’inizio. Comunque credo sia chiaro a tutti che non è l’autorità giudiziaria che emette questi provvedimenti quindi ….!? Tutto a posto?

 

E’ uscita una prima sentenza del Tribunale di Bologna in tal senso (siamo stati chiusi in casa illegittimamente) sarà riconfermata in caso di appello? Seguiranno altre sentenze analoghe?

La verità appartiene al diritto naturale, divino, quindi prima o poi emergerà!

 

Vedete, ieri un’amica avvocato ha postato la sentenza su facebook ed è stata attaccata, per averne semplicemente riportata la versione integrale, da tutti coloro che pensano che sia una sentenza sbagliata, che il tribunale non avrebbe dovuto etc … come dicevo se non ce l’hai dentro la libertà, non solo non la meriti ma nemmeno puoi concepire che altri la desiderino e ne chiedano il rispetto agli organi competenti.

Uno si sarebbe aspettato … woww che bello allora non potranno farlo più! Invece no!

Si arriva al punto di insultare la magistratura per avere (una volta tanto fatto il suo dovere) facendo, tra l’altro, rispettare la Costituzione.

Ripeto di nuovo, la libertà è uno stato di coscienza e se non ti appartiene nell’essere è giusto che tu stia “in prigione” anche se non ti sembra di starci, anche se ti sembra che in fin dei conti le rinunce sono di portata accettabile per avere in cambio la salute. Ma di quale salute stiamo parlando?

Definizione di salute da parte dell’OMS ( organizzazione privata i cui azionisti sono case farmaceutiche o fondazioni impegnate nel campo della farmaceutica vaccinale in particolare, così giusto per informare chi non si è informato) Salute è: uno stato di totale benessere fisico, mentale e sociale” e non semplicemente “assenza di malattie o infermità”.

 

Migliaia di persone hanno bisogno di supporto psicologico, sono affrante, stanche, demotivate, spaventate …i suicidi sono aumentati del 25%, l’uso di psicofarmaci è esploso.. ma di questa parte della salute chi se ne occupa?

E di tutti coloro che hanno perso il lavoro, che lo perderanno, che hanno dovuto chiudere etc ..chi si  occupa della loro salute mentale, psicologica? Tutti questi sono cittadini di serie B perché non hanno il covid? E tutti i malati di altre patologie che fanno fatica a farsi seguire, sale operatorie sospese etc sono cittadini di serie C? Vogliamo parlare della deriva psicologica dei bambini, di una generazione di giovani che hanno persino perso il senso di una sana ribellione annichiliti dalla propaganda e dall’indottrinamento?

 

Termino, affermando senza timore, che solo una coscienza collettiva più evoluta potrà veramente cambiare le cose, fino a che la massa accetterà ubbidendo senza nemmeno prendere le distanze da ciò che accade, non c’è nessuna possibilità che le cose migliorino perché senza amore per se stessi e in preda alla paura nessun cambiamento virtuoso è possibile. Quale rinascita? Quando il morale del popolo è a terra, dopo aver permesso il proprio lavaggio del cervello senza averne nemmeno consapevolezza, come si fa a rialzarsi, senza fiducia, senza prospettiva…? Forse aspettando sempre Godot!

 

La coscienza collettiva, detto sommariamente, è la somma delle nostre coscienze individuali quindi la responsabilità è assolutamente in capo a ognuno di noi, come singoli individui.

Piccole azioni pacifiche sono assolutamente possibili per chiunque ma bisogna avere il coraggio di essere liberi. Se una massa di persone, dall’oggi al domani, compisse semplici piccole azioni non solo la paura delle multe (illegittime) non si porrebbe più ma si innescherebbe un tale processo di pacifica e ordinata disubbidienza che immediatamente tutto comincerebbe a cambiare. Provate a far andare la fantasia!

 

All’inizio si può essere anche soli ma la perseveranza e il risveglio di coscienza prima o poi farà si che il numero delle persone aumenti e poi … tutti gli altri seguiranno e chi non vorrà, sarà libero di stare chiuso in casa e di aderire a qualsiasi indicazione.

 

  • E’ arrivato dunque il tempo giusto per il popolo di riprendersi la sovranità che gli spetta in forza dell’articolo 1?
  • E’ arrivato il momento di consapevolizzare questi articoli della Costituzione e portarli dentro di noi?
  • Quando smetteremo di riporre ceca fiducia nelle istituzioni (salvo le solite eccezioni) nei loro giochi politici, sotterfugi, menzogne e falsità? visto che l’unica cosa che hanno saputo proporre per gestire questa situazione è la chiusura in evidente violazione della Costituzione e dei più basici diritti umani.

 

La luce è dietro l’angolo, non ci abbandona mai, MA TOCCA A NOI (UNO PER UNO E TUTTI PER TUTTI) cercarla, trovarla e alimentarla dentro noi stessi per poterla vedere manifestata nella realtà. Quella Luce è così potente, se generata da milioni di persone, che diventa inopponibile e inarrestabile. Quella sola è capace di brillare a servizio del bene proprio e di tutti e di fare la differenza.

 

Allora che facciamo? Dormiamo o ci svegliamo?

 

UNISCITI AL CANALE DI TELEGRAM CLICCANDO SU QUESTO LINK

Ogni giorno viene pubblicato un contenuto!

👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇

https://t.me/SchoolForDreamers

International speaker, coach, trainer e autrice, Francesca ha lavorato per molti anni come manager di banche d’affari e conosce a fondo le dinamiche e le sfide del mondo aziendale. Ha lasciato GE Capital nel 2010 per fondare una scuola internazionale di trasformazione dell’Essere, School For Dreamers, con lo scopo di…